Articoli

articoli a cura di Dentisti Italia

Sbiancamento dentale a Torino

  • articolo a cura di Dentisti Italia


Sapevate che...
Lo smalto dei nostri denti assorbe, quotidianamente, una determinata quantità delle sostanze che sono contenute nei cibi che mastichiamo e nei liquidi che beviamo?

Con il tempo, tali sostanze tendono ad accumularsi, creando un’antiestetica patina giallognola sulla superficie esterna dei denti. Avere un sorriso spento, non è sinonimo di buona salute, inoltre l’accumulo della placca e del tartaro, può provocare serie ed irreversibili patologie orali.
Per questo motivo, i dentisti consigliano sempre di eseguire, almeno due volte all’anno, un’igiene orale professionale e uno sbiancamento dentale, conosciuto anche come Dental Bleaching.
Si tratta di una tecnica ampiamente utilizzata, che permette di:

  • schiarire i denti
  • contrastare il processo naturale di scolorimento
  • rimuovere eventuali discromie
  • ridonare allo smalto la sua luminosità originaria

È un ottimo procedimento che, se ripetuto in maniera costante durante l’anno, migliora realmente l’aspetto dei denti. Logicamente non deve essere considerato come una tecnica assoluta per risolvere i fastidiosi inestetismi presenti sui denti, bensì come una valida alternativa ai procedimenti estetici più articolati e sicuramente più costosi.

Che differenza c’è tra un Dental Bleaching e una Detartrasi?

Molte persone, spesso, confondono i due trattamenti, ma in realtà si tratta di due procedimenti molto differenti tra loro: il Dental Bleaching, comunemente noto come sbiancamento dentale, permette di rendere i denti più bianchi; mentre il secondo, la Detartrasi, ossia l’igiene orale professionale, serve per rimuovere, in profondità, la placca batterica ed il tartaro, accumulatisi nel tempo.
Gli specialisti autorizzati a questi trattamenti sono rispettivamente: l’Odontoiatra e l’Igienista dentale.

Sbiancamento dentale o domestico?

Esistono due modalità di sbiancamento dentale:

  • Professionale: in questo caso il trattamento viene eseguito da uno specialista in studio. Prima di iniziare, viene valutata attentamente l’anamnesi del paziente e lo stato di salute di tutta la bocca. Durante il trattamento vengono utilizzate delle sostanze sbiancanti, come il Perossido di Idrogeno o il Perossido di Carbamide, che possono essere irritanti per le mucose della bocca, per questo motivo lo specialista, prima del trattamento, protegge i tessuti gengivali, in modo tale da non metterli a contatto con tali sostanze. Il gel sbiancante deve essere steso, in modo uniforme, su tutto lo smalto dei denti. L’azione sbiancante dipende, principalmente, dal tempo di posa e dalla foto attivazione eseguita mediante l’utilizzo del raggio laser. I risultati che si ottengono, scegliendo questo tipo di trattamento, sono nettamente migliori e maggiormente visibili, rispetto al tradizionale sbiancamento “fai da te”.
  • Domestico: in questo caso si parla di sbiancamento “fai da te”, per cui è molto utilizzato un dentifricio abrasivo, che è necessario impiegare con coscienza, se non si vuole danneggiare lo smalto dei denti.
    Un altro metodo, molto utilizzato ultimamente, sono le “mascherine dentali in silicone”, che contengono all’interno una percentuale sempre di perossido di carbamide. Le mascherine devono essere applicate sui denti per almeno due ore al giorno, per una settimana. Poi ci sono anche le strisce adesive, dette strips, che devono essere applicate sui denti per circa 40 minuti, due volte al giorno, per almeno 2 settimane. Ed infine non possiamo non parlare dei classici metodi della nonna: pensiamo, ad esempio, al Bicarbonato di Sodio, al limone e all’acqua ossigenata. Sono tutti rimedi che possono aiutare a schiarire il colore dei denti, ma se non utilizzati in modo corretto, possono essere anche altamente abrasivi e dannosi. Fate molta attenzione e richiedete sempre informazioni al vostro Dentista di fiducia!

Qual è la causa principale della formazione delle macchie sui denti?

Prima di tutto è bene suddividere le macchie in due gruppi: esistono le macchie di natura estrinseca e le macchie di natura intrinseca.

Le prime sono dovute: all'avanzare dell'età; all’assunzione di particolari medicinali; al fumo; a particolari cibi e bevande come ad esempio il tè, il vino rosso, il caffè, i mirtilli, ecc..

Le seconde, invece, sono macchie che si formano all’interno dei denti e possono essere causate da: un'eccessiva esposizione al fluoro, durante l’età evolutiva; oppure, anche, all’assunzione di particolari antibiotici (tetracicline) durante la seconda fase della gravidanza.

Lo sbiancamento dentale permette di ottenere risultati nettamente più vantaggiosi ed evidenti sulle macchie superficiali, estrinseche, provocate, come detto sopra, dall’età, dal cibo, dal fumo e dalle bevande.

Cosa è bene fare prima di uno sbiancamento dentale?

Prima di effettuare un Dental Bleaching, il dentista consiglia sempre di valutare attentamente l’eventuale presenza di processi cariogeni in atto ed eseguire un trattamento mirato della carie, qualora ci fosse.

Questo per evitare che le sostanze sbiancanti penetrino nella carie e raggiungano, il cuore del dente, ossia la polpa, danneggiandola seriamente.

Lo sbiancamento dentale comporta particolari rischi per il paziente?

Un trattamento sbiancante non ha, solitamente, effetti collaterali sul paziente.

Dopo il trattamento, si può avvertire solo una maggiore, ma temporanea, sensibilità dentale; oppure una leggera irritazione gengivale, dovuta all’azione dell’agente sbiancante. Fastidi che facilmente scompaiono nell’arco di poche ore, senza l’assunzione di alcun farmaco.

È consigliabile non eseguire lo sbiancamento dentale su donne in gravidanza, perché non sono ancora molto chiari gli effetti che potrebbero avere le sostanze sbiancanti sullo sviluppo del feto.  

Dopo il trattamento è consigliabile non fumare e non consumare, per almeno 4 ore, particolari alimenti (mirtilli, caramelle, cioccolatini ecc.). o bevande (vino rosso, tè, caffè ecc.), contenenti coloranti chimici, che potrebbero danneggiare i risultati del trattamento.

Dr. Franco Massimo Casella - Corso Toscana, 107 - 10151 Torino - P.IVA 08285070010
Iscrizione all'Albo degli Odontoiatri della provincia di Torino N. 2149
francomassimocasella@gmail.com

declino responsabilità | privacy | cookie policy | articoli

Tutte le informazioni pubblicate nel presente sito web sono diramate nel pieno rispetto delle linee guida del Codice di Deontologia Medica sulla "Pubblicità dell'informazione sanitaria" del 06/04/2007.
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate
come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.



© 2015. «powered by Dentisti Italia. E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.